in

Non solo scuderie: ecco le aziende italiane in Formula 1

Nonostante ad oggi ci sia soltanto un pilota italiano impegnato nel mondiale di Formula 1, la nostra cara nazione è comunque ben rappresentata all’interno della massima serie dell’automobilismo. Oltre a team, marchi e scuderie, infatti, il Bel Paese ha un ruolo di primaria importanza anche in molti altri settori legati alla F1: dalla fornitura degli pneumatici per tutte le auto in gara, fino allo spumante che viene stappato sul podio. Ecco le principali aziende italiane nel mondo della Formula 1.

Ferrari

Impossibile non partire da uno dei marchi, orgogliosamente italiano, da sempre simbolo della F1. Stiamo naturalmente parlando di Ferrari. Il team di Maranello, nel cuore della Motor Valley, ha fatto il suo esordio nel circus nell’ormai lontano 1950, al Gran Premio di Monaco, secondo appuntamento in calendario quella stagione. Da allora di acqua sotto i ponti ne è passata molta. Nell’arco di oltre mezzo secolo di impegno tra i cordoli dei circuiti di tutto il mondo, Ferrari ha conquistato sedici titoli costruttori e quindici mondiali piloti. Un record tutt’oggi imbattuto. Dopo una stagione 2020 magra di soddisfazioni, il team Ferrari si appresta a tornare in pista schierando una line-up di piloti giovanissimi costituita da Charles Leclerc e Carlos Sainz.

Alpha Tauri

Ma Ferrari non è l’unico team di Formula 1 a correre sotto i colori della bandiera italiana. Accanto al Cavallino Rampante, infatti, troviamo Alpha Tauri, ex Scuderia Toro Rosso. Il team che ha sede a Faenza, in provincia di Ravenna, è nato dalle ceneri della Minardi, che aveva corso nel mondiale dall’inizio degli anni Ottanta, fino a i primissimi anni Duemila. Anche sotto il nome di Toro Rosso la scuderia si è sempre distinta per aver rappresentato una vera e propria palestra per piloti esordienti. Quest’anno infatti, accanto a Pierre Gasly, correrà il giovanissimo Yuki Tsunoda, che si è distinto nel 2020 nel Mondiale di Formula 2. Continua cliccando sul pulsante in basso >

Scritto da Alessandro Paiola

Orchestra Canova - Photo Credit: Giacomo Miglierina

Enrico Pagano: la musica classica ha un nuovo leader