in

La seconda serata del Festival di Sanremo vista da Idressitalian

Abbiamo seguito con voi la seconda serata del 67esimo Festival di Sanremo che si è conclusa con l’eliminazione di due nuove proposte e la lettura della classifica dei big basata sul televoto. La serata si è aperta con i primi quattro giovani in gara: Marianne Mirage, Francesco Guasti, Braschi e Leonardo Lamacchia. Poi è proseguita con l’illusionista giapponese Hiroki Hara e Maria De Filippi, che si è improvvisata venditrice di gadget: un portachiavi con la faccia di Carlo Conti. La conduttrice è apparsa in splendida forma, elegante ed ironica. Insomma, a proprio agio e con un look sempre sobrio a cui ha abituato i fan, non solo in fatto di outfit ma anche sul fronte make-up.

La seconda serata del Festival di Sanremo
La seconda serata del Festival di Sanremo – Photo credit: www.spetteguless.it

La competizione vera e propria è poi cominciata con Bianca Atzei, forse un po’ troppo emozionata. Una vera rivelazione sono stati, invece, Sergio Sylvestre (vincitore di “Amici” 2016) con la sua “Con te” e Chiara con “Nessun posto è casa mia”. La voce di entrambi è stata limpida e potente, il testo forse un po’ troppo scontato. Convincente è anche Michele Bravi, giovane e di talento. Ha cantato molto bene ed è un pezzo piacevole da ascoltare. Quanto a Paola Turci ha eseguito una performance perfetta e tutto a tempo. Il suo testo è fra i più curati. La sua canzone è ariosa e ha tutte le carte per funzionare e avere il giusto riconoscimento. Francesco Gabbani, il ragazzo che aveva entusiasmato e vinto Sanremo giovani l’anno scorso con «Amen», con la sua “Occidentali’s Karma” ha fatto, invece, venir voglia di ballare. Insomma, un Festival questo che appare ancora una volta una vetrina importante, la più perfetta rappresentazione dell’italianità. Uno spettacolo che ha sempre un futuro e dove si può respirare un’atmosfera familiare e serena fatta di spontaneità. Sanremo è musica e parole. Semplicemente. Continua a leggere cliccando >

Written by Lucia Franco

Lucia Franco

Se gli occhi sono lo specchio dell’anima la fotografia non è altro che il riflesso dei sentimenti. Racconto della fotografia, la mia passione, i miei scatti. Fin da bambina consideravo la fotografia parte integrante delle parole, l’immagine accompagnata da una dolce poesia. Ogni nuova idea può essere un viaggio, sia fisico che interiore, essenziale ai fini della “creazione” per ognuno di noi. La fotografia, l’immagine e l’arte da cui parte la costruzione dell’uomo stesso: la nascita della parte istintiva di ognuno di noi, dell’energia e quindi l’origine delle nostre stesse emozioni. Cosa c’è di più bello del fotografare un’emozione pura? La nostra Italia dai contorni sfocati e spenti; decidere di mettere a fuoco, attraverso la giusta lente, il bello e il vero della nostra italianità. Riscoprendo le sue eccellenze.

La prima serata del Festival di Sanremo vista da Idressitalian

La terza serata del Festival di Sanremo

La terza serata del Festival di Sanremo vista da Idressitalian